Gli sviluppatori TrueCrypt hanno finalmente incluso il supporto per AppIndicator in Unity fornendo cosi il completo supporto per le nuove versioni di Ubuntu Linux.

TrueCrypt in Xubuntu Linux
TrueCrypt è un’applicazione open source multi-piattaforma che ci consente ci creare e montare unità disco virtuali e cifrate in modo tale da mantenere al sicuro dati importanti con la possibilità di avviarli o sincronizzarli in più pc anche con sistema operativo diverso. L’idea di TrueCrypt è davvero molto semplice ma allo stesso tempo geniale dato che consente di creare dischi virtuali (simili ad un normale file immagine) che possono essere montati come una normale partizione nel nostro sistema operativo. E’ possibile quindi salvarne dati al suo interno i quali saranno criptati cosi da garantirci sicurezza e riservatezza. Le ultime versioni di TrueCrypt includono anche la possibilità di creare e crittografare una partizione di avvio di Windows o di un’interno disco d’avvio.

Una volta avviato TrueCrypt va ad aggiungere un collegamento nel pannello codi da poter accederne facilmente per gestire i vari dischi virtuali. Le ultime versioni di Ubuntu hanno incluso l’AppIndicator di default per i collegamenti nel pannello da parte di applicazioni di terze parti facendo diventare quasi inutilizzabili alcune applicazioni come TrueCrypt.
Finalmente gli ultimi aggiornamenti di TrueCrypt hanno incluso anche il supporto per AppIndicator cosi da fornire il completo supporto per l’ambiente desktop Unity di default in Ubuntu oltre ad includere alcune migliorie riguardanti soprattutto la gestione da riga di comando CLI dell’applicazione.

Per installare TrueCrypt in Ubuntu (con supporto per AppIndicator) basta digitare da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:stefansundin/truecrypt
sudo apt-get update
sudo apt-get install truecrypt

per le altre distribuzioni Linux basta scaricare il file d’installazione disponibile in questa pagina.

Home TrueCrypt

Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • Itwfabio

    Come si chiama quella finestrella nella scrivania che indica tutti i dati di sistema?

  • garuax

    Visto che sono stato censurato in altri siti, riscrivo qui in sintesi estrema quanto avevo già scritto, facendo riflettere sul fatto che: chi censura ha qualcosa da nascondere? 
    Lo spunto l’ho preso dalla notizia dell’uscita della distro anonymous, sulla quale in molto siti c’era scritto del fatto che fosse piena di trjan.
    So che non c’entra nulla con l’articolo qui in questione e quindi scusate se vado fuori tema.
    Ringrazio chiunque mi desse chiavi di lettura o spunti.
    – Nella distro ci sono trojan? allora in linux esistono i virus?
    – Perchè le varie distro restano sempre allo stesso stadio evolutivo rispetto al resto? la mia risposta: per incentivare un certo target a poterlo usare. Un target che come caratteristiche di personalità non sospetterà mai del fatto che il sistema, così come proposto, puo’ sniffarci informazioni, dati personali.

    Cioe’: chi fa della libertà un concetto assoluto, radicale, software libero, floss, ecc… mai intaccherà questo concetto con argomenti che ne sporcherebbero l’integrità…

    – e’ lecito credere che una buona parte del mondo linux vada avanti a donazioni? Andrebbe avanti uguale? Anzi queste info non potrebbero essere in realtà vendute a caro prezzo? un po’ come avviene su fb.
    – per come è strutturato linux, l’antivirus non serve a nulla, anche perchè chi volesse potrebbe utilizzare canali privilegiati non protetti (synaptic, ecc)
    – i virus non ci sono, perchè in realtà non servono? … …
    – E queste info, non potrebbero essere proprio rivendute a microsoft? in cambio di denaro? Se ubuntu, per esempio diventasse troppo perfetta, questo legame economico si trasformerebbe in altro di non piu’ redditizio?

    Chi ruba dati da carte di credito, scommettiamo che ha come vittima tipo un pc in dual-boot.  
    Ubuntu fornisce info—-Microsoft le paga——
    Microsoft sollecita all’uso di antivirus——l’utente sceglie linux.

    Giuro, non sono troll o simili o come vi pare. Sono domande che mi sono sempre fatto e che stanno bene in un articolo che parla tra le righe di virus dentro una distro linux.
    E vi lascio con una domanda, quindi. Ma perchè scegliete Linux? perchè costa meno, per la libertà, per i virus… a quale concetto credete maggiormente?

    • garuax

       FARE UN SISTEMA LINUX, CON HARDWARE COMPATIBILE AL MASSIMO SU MISURA E SOFTWARE ANALOGO A QUANTO GIA’ ESISTE IN AMBITO PROFESSIONALE, SAREBBE GIA’ POSSIBILE, ERA POSSIBILE GIA’ DA TEMPO. QUESTA SITUAZIONE SERVE SOLO A POCHI. SI PARLA SEMPRE DI SOFTWARE, MA MAI DI PRODUZIONE.
      Perchè non si investe nella produzione di hardware? tanto io il mio pc cmq a comprarlo lo devo comprare… non è che puo’ essere tutto gratis.

    • anonymus os difatti non aveva nessun trojan e stato bastonato solo per avere il nome anomymus
      su linux ora come ora non esistono virus o trojan ma come possiamo vedere su android cominciano ad arrivare
      ho in mente di preparare un articolo a riguardo
      ciao

      • garuax

         fico, scrivilo, sarebbe molto carino.

    • ale2695

      Allora… per prima cosa, virus per i sistemi GNU/Linux non ne esistono attualmente, questo è vero, anche se nel futuro non è detto che ne arrivino alcuni, come si vede con Android (basato appunto sul kernel Linux).
      Le tue teorie sono interessanti certo, ma se fosse proprio come dici, non credi che qualcuno l’avrebbe già scoperto nella marea di sviluppatori indipendenti e non dietro al mondo GNU/Linux? Ti ricordo che tutte, e sottolineo tutte, le distro rilasciano con licenza open-source (solitamente GNU/GPL) tutti i sorgenti dei propri sistemi, quindi è tranquillamente possibile controllare nei minimi dettagli tutto ciò che è presente nella distro. Credi che non si sarebbero scoperte la presenza di backdoor o cose del genere nei sistemi per spillare informazioni personali agli utenti di nascosto? Credi che la FSF (Free Software Foundation) od il team del kernel Linux non sarebbero già intervenuti?
      Una cosa del genere è impossibile perchè, appunto, avendo tutti i sorgenti dei sistemi resi liberamente scaricabili e modificabili, se dovessero nascondere qualcosa di losco, verrebbero subito scoperti.
      Ubuntu ti ricordo che non viene sviluppata da quattro nerd chiusi in uno stanzino, ma da un team di sviluppatori stipendiati da Canonical. Idem Fedora, nel caso di Red Hat. Che bisogno avrebbero di rivendere le informazioni a Microsoft? Prendono già i soldi delle collaborazioni con i produttori di hardware (NVIDIA, AMD, Intel, IBM, ecc.) e quelli delle assistenze a pagamento (dal lato Enterprise, dove Linux è utilizzato per la maggiore sui server).

      • garuax

         ok, grazie. Pero’ nel momento in cui noi aggiorniamo il sistema, cosa succede. Davvero loro non possono accedere a nulla? ciao

    • Millalino

       Sono domande piu che lecite le tue ed è piu che normale domandarsi certe cose.
      Tuttavia, credo che le risposte meritino piu di un post e probabilmente ci sono (almeno x me) i presupposti per un articolo su “a tu x tux”.

  • Manfredim

    Roberto, mi dici per favore come si fa a scaricare la iso di ultimate 3.2 che non mi riesce?
    Cliccando su quello che hai messo tu non funziona.
    Grazie 

  • Salve. Ho provato U.E. 3.2 in versione live e, essendomi piaciuta tanto, ho provato ad installarla. Seguo la procedura, arrivo al termine, mi dice di riavviare, parte bene, in quanto a video compare la figura dello sfondo, ma appena arriva la schermata verbale si ferma alla riga “Starting TiMidity+++ ALSA midi emulation…        [OK]”. Sono al terzo tentativo e non so più che fare. Mi potete aiutare? Grazie. Saluti.

  • Ferdiocaid

    Più volte scaricata e masterizzata sia su dvd che usb, niente da fare arriva alla schermata del desktop come se tutto funzionasse e si pianta li senza dare segno di vita sia per l’installazione che in versione prova.

No more articles