Sedatech - PC Multimedia - AMD A4 (UC00754I3)

Sedatech è una nota azienda tedesca produttrice di personal computer senza sistema operativo il tutto a vantaggio dell’utente il quale, oltre a non pagare nessun costo di licenza, potrà installare il proprio sistema operativo che sia Linux o Microsoft Windows .
Dopo avervi presentato Mini-PC Multimedia (versione UC00587I1) e (UC00586I0) oggi vi vogliamo presentare il pc desktop UC00754I3 un personal computer in grado di offrire ottime performance, bassi consumi energetici e sopratutto un prezzo davvero molto competitivo. Sedatech – PC Multimedia – AMD A4 (UC00754I3) è un pc desktop fornito con processore AMD A4 dual core da 3.40 GHz e un’ottima GPU Radeon HD 6410D in grado da supportare al meglio giochi di Steam per Linux e filmanti in alta definizione. Ecco le caratteristiche principali di Sedatech – Pc desktop AMD A4-3400.

case: MS-Tech CA-0130 – Torre Micro-ATX
Scheda madre: Asrock FM2A75M-DGS
processore: AMD A4-5300 FM2 dual core da 3,4Ghz
Scheda Grafica: AMD Radeon HD 6410D
Ram: 8 GB DDR 3 DDR3-1600 Dual Channel (2x4Gb) – 16Gb max
Hard Disk: SATA da 1TB
unità ottica: Masterizzatore DVD+/-RW Doppio Strato
Porte frontali: 4x USB 2.0 | Uscita Cuffie e Microfono
Pannello posteriore: 2 x USB 3.0 | 4x USB 2.0 | 1x DVI | 1x VGA | 2x PS/2 | 10/100/1000 Mbps Ethernet | Audio 5.1
Dimensioni: (L x H x P in cm) 17,5 x 36,5 x 40,5

Sedatech – PC Multimedia – AMD A4 (UC00754I3) viene rilasciato senza sistema operativo è possibile istallare Microsoft Windows 7 / 8 grazie ai driver presenti all’interno del pc oppure una distribuzione Linux. Personalmente non ho avuto modo di testare questo pc il processore AMD A4 è supportato dalle ultime distribuzioni Linux compresa la GPU AMD Radeon HD 6410D che richiede però i driver proprietari AMD Catalyst.
Sedatech – PC Multimedia – AMD A4 (UC00754I3) lo possiamo acquistare su Amazon a EUR 324,90 prezzo a mio avviso davvero ottimo visto l’hardware presente nel dispositivo.
  • Jackladen

    così, di getto, credo che snapper sia una funzione interessante….ovviamente non l’ho mai provato e credo che glisserò anche questo appuntamento. Non è mai scoppiato l’amore con opensuse, colpa degli rpm mi trovo molto meglio con i deb/apt.

    • penso che negli ultimi anni opensuse ha fatto un gran bel lavoro
      ha realizzato una distro facile da installare e gestire e sopratutto grazie ai moltissimi repo puoi averla aggiornata come una rollig
      inoltre la 12.1 secondo me sarà un bel successo assieme a fedora 16 che la vedo la migliore delle release che stanno uscendo in questi mesi

      • Jackladen

        si, ed i risultati si vedono…..da KDE-dipendente che sono ogni anno la provo ma c’è sempre qualcosa che riesco ad incasinare puntualmente grazie agli rpm.
        per il resto, a parte l’estrema brandizzazione ed il centro di controllo Yast (per me troppo macchinoso) non c’è nessuna postilla per una delle migliori distribuzioni.
        non si tratta di “validità o qualità” della distro, è antipatia reciproca a pelle.
        Comunque complimenti, sempre molto preciso e chiaro, ammiro il tuo lavoro e volevo ringraziarti per l’enorme mole di informazioni da cui attingo giornalmente.

        • come facilità d’installazione e di configurazione penso che suse sia una delle migliori inoltre grazie al progetto studio puoi realizzarti la propria distro come vuoi tu con pochi click
          suse un fantastico ambiente di sviluppo migliore di launchpad il quale permette non solo lo sviluppo per la propria distribuzione ma aiuta molto anche le altre compreso ubuntu

    • PatrisX

      Anche io ogni tanto la provo, ma non sono mai riuscito a tenerla più di 3 mesi. penso sia una buona distro, ma credo che come risoluzione automatica delle dipendenze sia dietro ad apt. Lo stesso dicasi riguardo i conflitti tra pacchetti. Con apt non mi capita, ma con yast si. Il numero dei pacchetti disponibili è inferiore a debian e ubuntu. Infine la lentezza di yast nell’installare o aggiornare i pacchetti è qualcosa che si può definire senza esagerazione “impressionante” per chi viene da debian e derivate: Abituato alla velocità di apt, mentre aspetti che yast scarichi e installi un pacchetto di pochi MB ti chiedi: ma che diavolo sta facendo?
      Poi per carità.. sono certo che ha un sacco di pregi su altri versanti

      • il problema della lentezza nell’installazione dei pacchetti è dovuta a rpm non a yast
        inoltre confronto gli anni scorsi è anche velocizzata una volta era lentissima l’installazione ma non solo con opensuse ma anche con fedora, mandriva ecc