McAfee VirusScan Enterprise for Linux

Linux è un sistema operativo molto sicuro a tal punto che non richiede l’utilizzo di un sistema antivirus.
Difatti la maggior parte dei virus, malware ecc sono per sistemi Microsoft Windows e solo particolari tipi di malware che prendono di mira le piattaforme Linux.
Per l’utente o azienda che usa Linux per scopi professionali e opera con dati sensibili è consigliabile massimizzare la protezione del proprio sistema operativo anche con l’uso di sistemi antivirus come McAfee VirusScan Enterprise for Linux.
McAfee VirusScan Enterprise for Linux è un software sviluppato per assicurare una protezione sempre attiva e in tempo reale su ambienti Linux.
Attraverso un’esclusivo scanner in accesso dedicato, McAfee VirusScan Enterprise for Linux monitora costantemente il sistema operativo alla ricerca di potenziali attacchi.

Attraverso periodici aggiornamenti automatici da parte di McAfee Labs proteggono l’azienda dalle minacce
più recenti senza la necessità di riavviare il sistema. Facilmente scalabile, McAfee VirusScan Enterprise for Linux viene aggiornato automaticamente e gestito centralmente tramite McAfee ePolicy Orchestrator.
McAfee VirusScan Enterprise for Linux è un software a pagamento che possiamo comunque testare gratuitamente per 90 giorni accedendo in questa pagina.

Ringrazio Domenico P. per la segnalazione.

Home McAfee VirusScan Enterprise for Linux

  • Diego

    cioè… tu usi gnome 3 dall’account root?

    • no è che non si vede che mi sono loggiato prima tutto qua

    • Michele

      Ahi ahi ahi, signor Diego mi cade sul particolare!! 🙂
      Scherzo eh! Nel titolo della shell se ci fai caso c’è scritto roberto@arch:/home/roberto 😛

      • si però a primo impatto si può cadere in trappola
        inoltre se si vede la barra di scorrimento si nota che c’è dell’altro prima e quindi pensabile che mi sia loggiato come root 😉

  • Antonio G. Perrotti

    mi tenta sempre di più, ma ho già litigato con debian… l’installazione non mi sembra proprio una passeggiata, da quanto ho letto quì e altrove in rete. per me che ho la fissa della personalizzazione spinta in teoria sarebbe da godere, ma non so se sono in grado di saltarci fuori.

    • prova chakra che è sempre arch ma l’installazione è molto semplice

      • Antonio G. Perrotti

        lo sto scaricando ora. però stavolta lo voglio testare live per un bel po’ prima di prendere decisioni, sperando che mi faccia funzionare il modem senza storie. ho letto sulla home del progetto che le applicazioni basate su gtk dovrebbero funzionare, e proverò kde che non conosco ma mi sembra bello anche come estetica.

        • se vuoi un consiglio testa chakra!

          • Antonio G. Perrotti

            sì, intendevo kde su chakra. però da pendrive con unetbootin non si avvia e ho finito i cd, domani ne prendo un paio e vedo com’è.

  • Ecco un piccolo appunto è che con questo comando rimuovi le makedepends per esempio git / subversion / mercurial / cmake, i quali appena ricompili devi tornare ad installarli 😛

    Tendenzialmente io rimuovo a mano solo i rimasugli di vecchi pacchetti, quei programmi li tengo perchè tanto so che se li rimuovo il giorno dopo già mi servono 🙂

    • no qui rimuovi i pacchetti non rimossi quando disinstalli un’applicazione
      esempio installo 3 applicazioni installandole mi scaricano 5 pacchetti di dipendenze
      rimuovendoli non rimuovo tutti gli 8 pacchetti ma solo i 3 delle applicazioni
      con questo comando rimuovo glia altri 5 mancanti

  • fabiogiu

    Per pulire dopo la cache,utilizzate pacman -Sc o pacman -Scc

    • Bex

      Volevo solo precisare che il comando -Scc è molto utile ma per esperienza personale consiglio di usarlo con cautela e solo quando siamo sicuri che il sistema è a posto, perchè mi è successo seppur raramente di dover fare il downgrade di un programma perchè dopo un aggiornamento non funzionava bene e se noi rimuoviamo la cache dopo è molto più complicato farlo..

  • tommaso seneci

    la prima volta a funzionato, poi ho sostituito yaourt a pacman e ha cancellato altri pacchetti ma ora se riprovo, sia con pacman che yaourt, mi dice “errore: non è specificato nessun pacchetto”