LXDE è un progetto nato per offrire un’ambiente desktop leggero completo e facile da configurare e gestire. Come per XFCE anche LXDE è un ambiente desktop particolarmente modulare oltre a lxde-common, lxsession, desktop-file-utils potremo poi decidere quale gestore di finestre utilizzare (OpenBox è preferito) e applicazioni installare. Gli sviluppatori del progetto LXDE hanno realizzato anche un’ottimo display manger dedicato denominato LXDM.
LXDM è leggero display manager mirato a sostituire GDM in LXDE offrendo più funzionalità di Slim. L’interfaccia utente di LXDM viene implementata con GTK+ i temi supportano gtkrc e GtkBuilder, gli sviluppatori stanno lavorando per integrare nelle prossime versioni gtk-css-engine.
Presente di default in Bodhi Linux, LXDE è utilizzato da molti utenti Arch Linux per l’utilizzo in ambienti desktop LXDE e Xfce.
LXDM è presene nei reposiory ufficiali delle principali distribuzioni Linux per installarlo basta digitare da terminale:
Per Ubuntu, Debian e derivate:

sudo apt-get install lxdm

Per Arch Linux:

sudo pacman -Sy lxdm

Per Ubuntu e derivate durante l’installazione ci verrà chiesto se utilizzare LXDM come display manager di default per Arch Linux invece dovremo abilitarlo attraverso Systemd per farlo basta digitare:

sudo systemctl enable lxdm.service

Per configurare / personalizzare LXDM basta operare sul file di configurazione in /etc/lxdm/lxdm.conf per avviarlo basta digitare da terminale

sudo nano /etc/lxdm/lxdm.conf

Se utilizziamo LXDM in Xfce dovremo impostare l’ambiente desktop come predefinito dovremo inserire

session=/usr/bin/startxfce4

Potremo anche inserire l’autologin per accedere direttamente al nostro ambiente desktop preferito per farlo basta aggiungere:

autologin=nostro_username

esempio

autologin=roberto

Per maggiori informazioni su LXDM consiglio di consultare la pagina Wiki di Arch Linux dedicata.

Home LXDM

Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • Francesco_dem

    Grande Roberto!!!!
    grazie a questa semplice guida adesso ntfs/config funziona e finalmente ho potuto condividere le partizioni NTFS in rete mediante smb:// indirizzo IPP.S. L’ultimo scoglio resta la stampante collegata fisicamente a Kubuntu, se cerco di aggiungerla in rete al macbook tramite workgroup mi dice che il server kubuntu non  è disponibile 

    • segnamelo domani perché oggi sono incasinato (shopping con la ragazza)

      • Francesco_dem

        Ok a  domani, buona passeggiata!

  • Francesco_dem

    Ciao Roberto, se hai tempo, ricordarti del problema stampante:
    L’ultimo scoglio resta la stampante collegata fisicamente a Kubuntu, se cerco di aggiungerla in rete al macbook tramite workgroup mi dice che il server kubuntu non  è disponibile

    • controllo domani pomeriggio porta pazienza ma oggi sono stra incasinato sono da solo al lavoro e non so quando finisco
      domani ti prometto che controllo ciao

      • Francesco_dem

        Nessun problema, ci mancherebbe!
        Con calma, quando hai voglia e tempo!
        Ciao e grazie

  • Francesco_dem

    Ciao Roberto, quando hai tempo, se riesci a trovare la soluzione per la condivisione tra la stampante collegata fisicamente a Kubuntu ed un portatile Mac os X 10.6.7.
    Come ti dicevo, grazie a questa semplice guida adesso ntfs/config funziona e finalmente ho potuto condividere le partizioni NTFS in rete accendendo ad esse dal Macbook mediante il comando  : smb:// indirizzo IP.
    Il rpoblema resta la stampante, se cerco di aggiungerla al portatile tramite workgroup, mi da questo errore: connessione fallita, il server Kubuntu potrebbe non esistere o non essere disponibile.Controlla il nome o l’inidirizzo IP del server, la connessione network, quindi riprova.
    Grazie
    Ciao

    • la stampante se non ho capito male è wireless?

      • Francesco_dem

        No è collegata tramite porta usb a Kubuntu

  • peter_mc_h

    Ciao Roberto, mi chiamo Pietro e

No more articles