web analytics
tmux terminal multiplexer

[Guida] Come utilizzare Tmux terminal multiplexer su GNU/Linux

In questa mini-guida vi introdurrò i comandi base per utilizzare Tmux. Questo software consente l’accesso simultaneo a più sessioni del terminale in un’unica finestra. Un tool utilissimo in quelle occasioni in cui si rende necessario eseguire più di un programma da riga di comando, contemporaneamente.

Tmux può gestire n sessioni

All’interno di una finestra del terminale è possibile, grazie a questo tool, aprire più split view. Ogni riquadro contiene la propria istanza di terminale in esecuzione indipendente. Ciò consente di avere più comandi in esecuzione, visivamente uno accanto all’altro, senza la necessità di aprire più finestre dell’emulatore di terminale. Una manna dal cielo per chi, come me, vuole sfruttare il terminale per quanti più task possibili.

tmux terminale
Una sessione Tmux, denominata LFFL, suddivisa in finestre.

Ricordandosi del comando universale CTRL – d, che permette di chiudere una sessione, una finestra o un pannello, la gerarchia delle possibili modalità è la seguente:

  • Sessione
    • Finestra
      • Pannello

Sessione: la sessione è la “radice” del multiplexer. Sarà mantenuta attiva fin quando non si procede alla chiusura di Tmux. Questo vuol dire che, se per esempio state lavorando in remoto e perdete la connessione, al successivo login troverete l’ambiente come lo avevate lasciato.

tmux new -s pianovim        # creare una nuova sessione, denominata pianovim
tmux detach                 # uscire dalla sessione
tmux new -s setinterface    # creare una seconda sessione, denominata setinterface
tmux attach -t pianovim     # entrare nella prima sessione
tmux switch -t setinterface # switchare tra le due sessioni
tmux ls                     # elencare tutte le sessioni
tmux rename-session -t pianovim database #rinominare una sessione

In questo caso, trovo molto utile la creazione di alcuni alias, per semplificare un po’ le istruzioni.

Finestre e pannelli

Finestra: ogni sessione, può a sua volta essere suddivisa in finestre, che saranno riportate nella barra orizzontale come nell’immagine di esempio. Le finestre le possiamo considerare come dei tab della sessione che le contiene.

CTRL + b  c            # creare nuova finestra
CTRL + b  n  oppure p  # navigare tra le finestre 
CTRL + b  w 	       # elencare tutte le finestre

Pane: ciascuna finestra, a sua volta, può essere visualizzata come un insieme di pannelli, tramite le seguenti combinazioni:

CTRL + b  %  # suddividere la finestra verticalmente
CTRL + b  “  # suddividere la finestra orizzontalmente 
CTRL + b frecce direzionali  # navigare tra i pannelli
CTRL + b z   # rendere un pannello full screen

Anche in questo caso è possibile semplificarsi la vita, configurando le combinazioni di comandi tramite il file tmux.conf. Aggiungendo le seguenti righe, ad esempio, possiamo sostituire CTRL + b con una più comoda CTRL + a:

set -g prefix C-a
unbind C-b
bind C-a send-prefix

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
ubuntu kylin
Ubuntu Kylin 20.04.1, incrementi di performance e compatibilità con il 4K