Sicuramente parlando di Canonical le prime cose che vengono in mente non soon certo i droni. D’ora in poi però le cose potrebbero cambiare…

Parrot S.L.A.M.dunk è un kit di sviluppo per droni realizzato da Canonical in collaborazione con Parrot.

A livello hardware troviamo un processore NVIDIA Tegra K1, mentre lato software ci girano Ubuntu e ROS (Robot Operating System), un framework di sviluppo ottimizzato specificamente per interagire con l’elettronica dei robot.

Sono poi presenti numerosi sensori utili, che fanno la differenza negli ambienti privi di GPS, troviamo:

  • Fish-eye stereo camera with a 1500×1500 resolution at 60fps;
  • Inertial-measurement unit (IMU);
  • Ultrasound sensor;
  • Magnetometer;
  • Barometer.

s.l.a.m.dunk

S.L.A.M.dunk è pensato principalmente per essere montato su un drone (nell’annuncio viene chiaramente mostrato un Bebop di Parrot). Il nucleo smart del gadget è S.L.A.M. (Simultaneous Localization and Mapping) il software di localizzazione che funziona senza GPS grazie a telecamera stereo e ai vari sensori citati poc’anzi. Il tutto in un peso abbastanza contenuto: 140 grammi.

Nella parte posteriore è presente una porta HDMI e due porte USB, che rendono lo S.L.A.M.dunk un sistema a sè stante per lo sviluppo. Un dispositivo unico e ovviamente dedicato a ricercatori e a chi sa dove mettere le mani.

A oggi non è dato sapersi il prezzo, il dispositivo verrà messo in vendita nell’ultimo trimestre dell’anno, quindi vi terremo aggiornati!

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

 

  • ArchEmi

    Se con questo posso misurarci le facciate degli edifici lo prendo

    • Gabriele

      In realtà ti potrebbe bastare molto meno… una normale macchina fotografica, due o tre scatti e un programma di fotoraddrizzamento tipo ARCHIS… 😉

      • ArchEmi

        Ne uso di più avanzati ma facciate alte e presenza di balconi o aggetti creano problemi (zone d’ombra). In vicoli stretti in cui non puoi allontanarti troppo pure altri problemi. Il tetto poi è fondamentale… In più la precisione non è altissima (testato sul campo)

      • ArchEmi

        ps. oltre al fatto che non voglio un’immagine raddrizzata 2d ma un 3d

  • Rand al Mucck

    Ma che bello, aspettiamo che il prezzo diventi accessibile e avremo tanti begli oggettini che ci ronzano sulla testa, poi magari qualcuno si rompe, va anche a sbattere e si schianta sul parabrezza – e 140 grammi da 20 metri di altezza ti amazzano, garantito.

    Tralasciamo poi le telecamere volanti ovunque nelle mani di chiunque…

    • Proxima8

      Questo è un accessorio che va montato su un drone, ergo 140 grammi + drone 😉

    • Simone

      Sono sicuro che qualcuno lo disse anche degli aerei ai tempi dei fratelli Wright…

No more articles