In questa semplice guida vedremo come installare facilmente il nuovo Deepin Music Player 2.0 in Ubuntu Linux e derivate

Deepin Music Player 2.0 in Ubuntu
Linux Deepin è una distribuzione Linux che sta riscontrando un notevole successo visto gli ottimi tool e personalizzazioni incluse in un sistema operativo basato su Ubuntu. Oltre Deepin Software Center, i developer del team Wuhan Deepin Technology  hanno sviluppato anche un completo player audio multimediale denominato Deepin Music che possiamo installare facilmente anche in Ubuntu e derivate.
Deepin Music è un player audio multimediale basato su GStreamer, con il quale potremo riprodurre al meglio i nostri brani preferiti presenti sul nostro pc o in supporti ottici, hard disk esterni, pendrive ecc.

In Deepin Music Player troviamo la possibilità di poter personalizzare il tema del player multimediale introducendo alcuni presets personalizzabili, il software dispone anche di un’equalizzatore multi-banda e il supporto per Lyrics per il visualizzare il testo del brano in ascolto e altri interessanti plugin di terze parti.

Il Player Audio di Deepin dispone anche della modalità “mini player” che ci consente di operare sul player attraverso una piccola finestra, in Ubuntu troviamo anche il supporto per il Sound Menu che ci consente di metter in pausare cambiare brano anche con il player minimizzato.

Ecco un video del nostro test di Deepin Music Player 2.0 in Ubuntu:

Per installare Deepin Music Player in Ubuntu e derivate basta digitare

sudo add-apt-repository ppa:noobslab/deepin-sc
sudo apt-get update
sudo apt-get install deepin-music-player

al termine dell’installazione basta avviare il software center da menu.

Deepin Music Player è disponibile anche per Arch Linux e derivate attraverso AUR.

Home Linux Deepin

  • franz1789

    “Il progetto offre un’esperienza utente simile a quella proposta da Mate DE ma con alcune personalizzazioni e nuove funzionalità sviluppate dal team SolusOS.” Ed era necessario forkare? Non potevano prendere Mate e patcharlo? Mi sembra che con sta storia di Gnome 2 vs Gnome 3 si stia scadendo nel ridicolo..

    • Alessandro Favaro

      A me sembra ridicola anche l’incredibile frammentazione che sta colpendo il mondo GNU/Llinux… Solus OS, Salus OS, Luninux OS, Linux Lite… ma chi è che li usa? Per non parlare di inutilità “nostrane”, come Piuma o GGBU…

      • Miro Radenovic

        io uso solusos come unico SO sul mio portatile di lavoro. e ti posso garantire che dopo aver provato tutte le disto famose, ho trovato solusos la piu affidabile e veloce.
        provala e poi mi dirai tu se è cosi ridicola questa frammentazione 😉

        • wolfmobo

          Lo è in ogni caso, fidati.
          Pensa quali sinergie e traguardi ci si è preclusi.
          Mi dispiace dirlo ma è doppiamente controproducente continuare a masturbare i DE in quanto sono ciò che l’utente medio/ignorante percepisce ed associa al concetto di sistema operativo.
          Linux sotto questo aspetto è una babilonia fine a se stessa.
          Perdonami e perdonatemi tutti, ma ogni fottutissima distro, nelle tre righe descrittive iniziali, si propone sempre le stesse cose… SO semplice, intuitivo, leggero e veloce… e poi?

          • Antux91

            La questione della frammentazione DE è importante se si va ad analizzare quanto per uno sviluppatore diventa costoso sviluppare un programma che vada bene per quelle librerie grafiche, tuttavia da utente ammetto che avere tanti desktop ci permette di scegliere quale è l’ambiente più consono alle nostre esperienze. Fortunatamente i fork di gnome come Cinnamon, Consort e Mate hanno dalla loro il fatto che nonostante tutto usano librerie gnome quindi alla fine per uno sviluppatore che sviluppa l’app con librerie gtk3 e poi l’utente la usa su Cinnamon non è un grosso problema. I problemi iniziano a manifestarsi con l’uso di DE davvero differenti come KDE, Xfce ecc. che potranno integrare quanto vorranno il supporto gnome e viceversa, ma non avremo mai una integrazione 100% inoltre l’applicazione cmq ha bisogno di librerie provenienti da gnome ed in qualche maniera le scarica e quindi appesantiamo il sistema. Alla dine se uno usa Gnu/Linux deve accettare anche che la libertà ha un costo. Riguardo i temi che si propongono le varie distro non mi trovi daccordo, personalmente uso Arch e Arch di certo non punta a diventare semplice, anzi complica le cose andando avanti ma le complicazioni la rendono veloce. Personalmente credo che sia positivo avere tante distro e tanti team che ci lavorano in quanto ciò consente non solo di risolvere bug inerenti magari lo stesso pacchetto, ma anche di sviluppare al meglio e rendere sempre migliore le varie distro da parte dei team, assicurando quindi una concorrenza costruttiva. Microsoft se avesse avuto la concorrenza seria di altri sistemi basati su DOS alternativi a Windows oggi avrebbe un sistema migliore e l’utente potrebbe scegliere tra le alternative. La concorrenza e quindi la frammentazione delle distro, in conclusione, rende sempre migliore il lavoro iniziale di ogni team.

    • Fai però attenzione alla frase in neretto: Consort Desktop Environment è un ambiente desktop fork di Gnome Fallback

      Mate si basa su Gnome 2, questo invece su Gnome 3. Se possiamo dirlo, si avvicina più all’idea di Cinnamon che di Mate, anche se il desktop appare molto più tradizionalista.

    • Davide Depau

      MATE è un fork di GNOME 2, Consort è un fork di GNOME Fallback, è diverso…

      • floriano

        ah ok! non era chiaro nella’rticolo

        • Davide Depau

          Sì, in effetti suggerirei a ferramroberto di specificarlo, così tutti lo capiscono 😉

  • striplex

    Secondo me è un ottimo progetto. Io un pò di tempo fa avevo provato l’alpha di solusos 2 e nè ero rimasto piacevolmente sorpreso….non vedo l ora di provarlo,finalmente una derivata di debian staccata da ubuntu con un idea tutta sua 🙂

    • Marco Missere

      Dimentichi Linux Mint Debian Edition, anch’essa è una derivata di Debian staccata da Ubuntu, con un’idea tutta sua (Cinnamon).

      • Marco

        Lasciam perdere quell’aborto, pure chi la gestisce non ha voglia di svilupparla decentemente, la tiene in vita tanto per dire di averla.
        Nonostante le forze minori Solus e’ molto piu’ innovativo tra Consort, PiSi e gestione della applicazioni (Debian Stable con le maggiori applicazioni mantenute aggiornate)

      • Miro Radenovic

        il project leader di solusos era uno dei devs di LMDE, che ha abbandonato mint perchè LMDE è un progetto praticamente morto.

  • Marco Missere

    Ma non bastavano gli ottimi Cinnamon (per i PC abbastanza recenti), Mate e XFCE? Ora sì, penso che si stia esagerando.

    • Angelo Giovanni Giudice

      Non mettere XFCE tra i Fork… Cmq si, sono d’accordo con te pure io, si sta disperdendo troppe energie per fork già esistenti…. Sarebbe bello unirsi in pochi progetti ma buoni!

  • Dioniso

    Ma davvero c’è così tanta gente che sente la mancanza di Gnome 2? Quando mi sono avvicinato a Linux (con gnome 2) ho pensato “bella la filosofia linux” peccato solo che esteticamente sia orrendo (riferendomi ovviamente a gnome 2)! Poi l’usavo ugualmente, ma ora che sono nati nuovi progetti (in primis elementary, ma anche unity e gnome-shell, se ubuntu 12.10 funzionasse decentemente) mi sono dovuto molto ricredere. Di certo non sentirei mai la mancanza di una distro così brutta!

  • Marco

    ma cosa ha Debian di così brutto da volerla “derivare”?

    Basta usare la testing e si ha una rolling abbastanza aggiornata stabilissima…

  • giuseppe

    ciao roberto,nella pagina ci sono tanti link, cosa bisogna aggiungere a sources.list per installare consort su debian?

    • Davide Depau

      Nessuno dei 4, quelli sono repository GIT, non APT.
      Purtroppo non ne ho trovato, bisogna chiedere agli sviluppatori…

  • Alek

    Ho usato per un breve periodo la versione precedente. Molto stabile e soprattutto rispettosa delle risorse del mio computer.
    Unico difetto: non ne voleva sapere di leggere la mia stampante hp, con o senza i tools di hplip. Ho contattato direttamente gli sviluppatori di questo os per supporto, ma a quanto pare non ero il primo a soffrire di questo bug 🙁 peccato

  • domenico

    anch’io l’ho provata. Devo dire che è ottima!

  • Alessandro Giannini

    Non ho capito una cosa, incorpora i codec audio, un po’ come VLC?

    • no si basa su GStreamer come ad esempio totem, rhytmbox ecc

  • Pierpaolo

    Consort (o meglio, Solus OS) è un progetto morto, nel giro di un anno le cose cambiano…..meditate gente, meditate…..°_°

No more articles