KMid 2.4.0 il Karaoke in Ubuntu Linux e derivate

KMid 2.4.0 è un’applicazione in grado di offrire le stesse funzionalità di VanBasco Karaoke Player in Linux.

KMid 2.4.0 in Ubuntu Linux
Uno dei programmi più famosi dedicati al Karaoke è sicuramente VanBasco, software però disponibile solo per Microsoft Windows. Per noi utenti Linux possiamo avere le stesse funzionalità di VanBasco grazie a KMid2, software sviluppato / supportato dal team KDE disponibile comunque per anche per altri ambienti desktop. KMid2 è un player audio specifico per la riproduzione / gestione di file MIDI e KAR consentendoci di visualizzare il testo sincronizzato con l’accompagnamento musicale direttamente nell’applicazione oppure su uno schermo collegato al nostro personal computer.

L’interfaccia di KMid è molto semplice ed intuitiva con oltre al testo potremo avere i comandi per operare sul volume, tonalità e velocità / bpm del brano in ascolto. Dal Menu di KMid potremo attivare anche un piano virtuale per riprodurre una melodia oppure operare in ogni canale / strumento MIDI. Volendo possiamo operare anche nei vari file midi, modificando ad esempio uno strumento (possiamo cambiare ad esempio la chitarra acustica con una classica o elettrica ecc) e altre utili funzionalità e personalizzazioni.

KMid è un software ormai “fermo” da diverso tempo nella versione 2.4.0 la quale comunque risulta molto stabile e soprattutto funzionale anche con le attuali distribuzioni.

Per installare KMid 2.4.0 in Debian, Ubuntu e derivate basta scaricare ed installare il pacchetto deb dai link posti sotto:

KMid 2.4.0 è presente nei repository ufficiali di Fedora, per Arch Linux invece possiamo installare l’applicazione attraverso AUR.

Home KMid2

28 Commenti

  1. La sto provando in queste ore seplicemente STUPENDA! alla facci di chi critica e snobba le derivate, basate sulle varie distro MAMME, Debian, Slackware, Red Hat ed adesso pure mamma Archlinux!
    Archbang, Bridge Linux, CTKarch, KhaelOS, non mi hanno convinto quindi pillate e tornato ad Archlinux pura, ma ultimamete gli sconvolgimenti e un esagerato rolling continuo mi hanno fatto stufare pure su Archlinux puro, ma MAJARO LINUX E UN ALTRO MONDO! e come se se quelli di Archlinux avrebbero messo su una Arch pronta per tutti! un capolavoro da provare.

    Della serie una delle rarissime volte che una derivata/basata supera la mamma!
    provatela non ve ne pentirete Stabile, veloce, potente!

    • quoto è veramente un’ottimo progetto che secondo me porterà in alto Arch il team Manjaro sta lavorando molto sull’integrare un’ottimo installer e altri tool per configurare e mantenere aggiornata la distribuzione penso che ne sentiremo spesso parlare di Manjaro nei prossimi mesi

  2. Buongiorno, ho messo Manjaro 0.8.2 su penna usb poi con questa provo ad installare su hard disk usb esterno ma mi dà sempre ERROR #UUID. Ho controllato con il comando blkid utilizzando una live-distro ed il codice è esatto. Come si puo’ risolvere, grazie a tutti voi e complimenti per il blog.

  3. Installata con /home separata accanto a Chakra sul mio HP pavilion slimline ….che dire….bella, proprio bella!!!! Grande lavoro, davvero ben fatto. Unico neo l’installazione da CLI con partition manager non proprio userfriendly….ma in live c’e’ Gparted!!! Con Tribe sarebbe al top!!!! Non scherzo, sono su linux dal 2004 e di distro ne ho girate….., questa e’ davvero al top.

  4. 3 domande:
    1) come mai sempre Gnome 3.4.2, e kernel 3.4? Non sono un po’ datati!?
    2) utilizza systemd?
    3) è possibile usare i repo di Arch, e se sì come?

      • Sono simili, ma molto meno aggiornati, da quanto mi sembra di capire… :/
        Systemd lo posso mettere senza problemi seguendo la guida che trovo su questo blog? Oppure è meglio aspettare?

        • Ho installato Manjaro. Beh, anche io mi unisco ai complimenti. Davvero un gran lavoro. Tutto è estremamente curato e ben fatto. E dà subito una sensazione di sicurezza e stabilità, a differenza di Arch (anche se, purtroppo non è aggiornatissima.. Ancora, ad esempio firefox è alla versione 16 e non 17).
          Una precisazione: utlizza già systemd. 🙂

  5. il karaoke con i midi? e le musicassette no? Ci sono i CD+G ormai da secoli, decisamente piú carini da ascoltare e spesso anche con cori etc.

    • Io invece non lo trovo male anche perché mi permette di usare la collezione di file di VanBasco con i miei bimbi, per la gioia del vicinato 😀

      • I professionisti che fanno karaoke? che intendi? Se parli di stesura musicale per strumenti allora non lo chiamerei “karaoke” ma é qualcosa di piú sofisticato e le midi sono indispensabili per emulare lo strumento etc… Invece, se parliamo del karaoke inteso come attivitá ludica per cantare su delle canzoni, rimango dell’idea che un CD+G confezionato sia piú comodo e “divertente”

        • Il professionista fa il midi, qualcuno ci aggiunge le parole.
          Con il midi ci si può “giocare”…. Piu veloce/lento, tonalità, cambiare qualche strumento….
          Chi fa piano bar preferisce il midi.

          Poi chiaramente se uno non sa fare il video preconfezionato è più facile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here