Rai.TV inizia la migrazione in Adobe Flash?

74
51
A quanto pare il portale Rai.TV ha iniziato ad utilizzare Adobe Flash per la riproduzione di alcuni canali consentendo cosi la visualizzazione anche da Linux.

Rai.TV canali in Adobe Flash
Rai.TV è un famoso portale che ci consente di guardare tutti i canali di “mamma” Rai in diretta streaming dal nostro browser oppure da device mobili tramite applicazione dedicata. Purtroppo per la riproduzione dei vari canali la Rai ha scelto di utilizzare Microsoft Silverlight, tecnologia proprietaria attualmente non disponibile per Linux a meno che non utilizziamo tool di terze parti come Pipelight o plugin vari. Recentemente abbiamo anche segnalato una petizione contro la Rai per incentivare la famosa tv pubblica ad utilizzare tecnologie open source come HTML5 per la riproduzione dei propri contenuti web consentendo cosi l’accesso senza dover utilizzare alcun plugin di terze parti da qualsiasi browser e sistema operativo.

A quanto pare qualcosa inizia a muoversi, alcuni nostri lettori ci hanno segnalato che attualmente alcuni canali sono migrati a Flash Player tecnologia proprietari di Abobe che però viene supportata da Linux tramite plugin di terze parti dedicato Nei miei test con Mozilla Firefox in Ubuntu 13.10 ho notato che solo alcuni canali son disponibili in Flash Player mentre gli altri rimangono ancora basati su Microsoft Silverlight.

Rai.TV canali in Adobe Flash su Android

Provando invece da device mobile con il browser di default di Android (che supporta Flash Player) funzionano tranquillamente tutti i canali, ho provato quindi cambiare user agent in Firefox in Ubuntu ma il risultato è rimasto invariato. Per il momento quindi da browser desktop solo alcuni canali sono visibili in Flash Player, vi terremo comunque aggiornati su questa “possibile” migrazione anche se attualmente non c’è alcuna notizia ufficiale a riguardo.
Ringrazio i tanti lettori di lffl che hanno segnalato in questi giorni questa interessante novità, sperando che i tecnici Rai inizino a considerare anche tecnologie open source e non Adobe Flash Player.