I developer del progetto ReactOS hanno rilasciato un video che descrive le tante migliorie introdotte del sistema operativo open source in grado da supportare al meglio le applicazioni native per Microsoft Windows.

ReactOS
Lo sviluppo di WineHQ ha portato notevoli migliorie includendo il supporto per le più diffuse applicazioni e giochi nativi per Microsoft Windows in Linux. Le migliorie di Wine stanno portando notevoli ottimizzazioni anche per ReactOS sistema operativo open source indipendente in grado di supportare al meglio le applicazioni native per Microsoft Windows.
In poche parole ReactOS è una versione open di Microsoft Windows in grado di integrare la stessa esperienza utente  oltre a  supportare le più diffuse applicazioni native per Windows compresi anche i driver open e proprietari.
Lo sviluppo di ReactOS ha portato notevoli migliorie includendo sia stabilità, sicurezza e un’ottimo supporto per le più diffuse applicazioni native per Microsoft Windows. ReactOS è un sistema operativo leggerissimo che richiede pochissimi mb per avviarsi, porta con se diverse caratteristiche simili a Linux ad esempio troviamo un software center con il quale possiamo installare o aggiornare le applicazioni native per Microsoft Windows come il browser Firefox, Opera ecc al player VLC, µTorrent e molte altre applicazioni.

Disponibile sia in ISO livecd / installabile oppure in macchine virtuali per Qemu, VirtualBox, VMWare, ReactOS attualmente è disponibile nella versione 0.3.15 rilasciata nello scorso maggio ma ben presto potrebbero approdare notevoli aggiornamenti con svariate ottimizzazioni.
A confermarlo sono gli sviluppatori ReactOS che hanno rilasciato in questi giorni un’interessante video nel quale presentano i successi del sistema operativo libero e delle novità previste per le future versioni.

A quanto pare molte novità arriveranno anche dagli sviluppatori Wine che andranno a migliorare il supporto per molte nuove applicazioni e giochi nativi per Linux. Lo sviluppo di ReactOS poterà anche migliorie riguardanti il supporto hardware soprattutto per nuove schede grafiche e audio, oltre alla correzione di numerosi bug riscontrati da sviluppatori e utenti.

Testata su Virtualbox, ReactOS risulta ancora abbastanza instabile con alcuni bug riscontrati soprattutto nel processo l’avvio del sistema operativo. Una volta avviato troviamo un completo sistema operativo disponibile anche in lingua italiana, caratteristica davvero molto importante è la velocità e consumo davvero molto ridotto delle risorse (circa 40/50 MB di Ram per avviarsi) dal pannello di controllo ReactOS Explorer potremo accedere alle varie configurazioni del sistema dalla gestione hardware, lingua ecc. Dal software center di ReactOS abbiamo installato diverse applicazioni tutte funzionano  (compreso anche player come VLC) tranne Firefox 24 il quale non si avvia a causa di alcuni bug.

Ecco alcune immagini del nostro test ed il video rilasciato dal team ReactOS;

ReactOS Gestore Applicazioni
ReactOS – Gestore Applicazioni
ReactOS - VLC
ReactOS VLC
ReactOS - Explorer
ReactOS Explorer

Per maggiori informazioni o per scaricare / installare ReactOS basta consultare la pagina ufficiale del progetto.

Home ReactOS

  • roberto mangherini

    che pro installarsi firefox per win quando c’è una versione nativa per linux? bah..

    • muchoman

      ReactOS® è un Sistema Operativo a Sorgente Aperto, basato sul disegno architetturale fondante di Windows NT® (varie versioni di Windows come Windows XP, Windows 7 e Windows Server 2012 sono tutte basate sull’architettura NT). Riscritto completamente da zero, ReactOS non è si basa in alcun modo su Linux e condivide nulla dell’architettura UNIX.

      • dinolib

        bene, quindi wine non centra ‘na mazza…

        • wine centra eccome basta solo che vedi le immagini per vedere che nel pannello di controllo ci sono anche le impostazioni di Wine 😀

          • dinolib

            Approfondirò, grazie per la risposta.
            Non capisco come faccia ad essere un OS riscritto sullo schema architetturale di WinNT se poi usa Wine. Strano, no?

          • pi3tr0

            hanno incluso parti di wine da pochi anni, il progetto avrà almeno 10/12 anni e procede a una una velocità per cui quando sarà compatibile al 99% con windows xp sarà appena uscito windows 2034

          • ma almeno avremo un s.o. per giocare alle glorie degli anni 2000 😉

          • CippaLippa

            😀

          • Wine è open source parte del codice di wine viene utilizzato in reactos ti ricordo inoltre che wine viene utilizzato anche in mac

          • dinolib

            OK, trovato qui la risposta: http://www.reactos.org / wiki / WINE

      • Solo una precisazione NT su cui si basa ReactOS non è l’nt di windows 7 e successivi… in teoria non è neanche quello di xp…

        • Isaac Darter

          bella storia!

        • …non è o è o non è… applaudiamo al lavoro di sviluppo, non ha senso attaccare qualcosa che altri riescono a fare e noi no…

      • roberto mangherini

        quindi loro hanno creato un kernel da soli senza basarsi su linux? :O

  • pi3tr0

    perchè parlare ammatula quando hai la possibilità di startene zitto ed evitare di passare per pirla?

    react os è un clone libero di windows, ovvio che ci installi il software per windows

    • pi3tr0

      @robertomangherini:disqus

    • Brau

      “Un clone libero di Windows”
      Non notate in questa frase un certo paradosso? 😉

  • Alessandro Giaquinto

    Se mi passate una cattiveria, ho dubbi sugli sviluppatori come votati a clonare windows, penso sia più un esercizio di stile…

  • zio Bill

    oltre ad una bella denuncia di microsoft non vedo l utilità di questo progetto

    • Brau

      Huh! Già non persegue quelli che fanno le crack per bypassare la loro licenza, figurati quelli che li introduce di “contrabbando” nel mondo di Linux…

      • ma se sono i primi loro a volerlo, dai l’ultimo 8.1 si cracca sostituendo 2 file…

        • ge+

          windows 8 se non fosse preinstallato nei nuovi pc e non fosse crackabile non se lo filerebbe nessuno (o meglio, se lo filerebbero ancora meno di ora)

          • Nono non se lo filerebbe nessuno, pagare per un sistema che fa smadonnare l’80% dell’utenza, nah

          • CippaLippa

            cmq. W7 alla fin fine (con tutti i difetti che si porta dietro) rimane l’OS meglio riuscito da parte di Microcozzz… Escluso W2K per la stabilità e leggerezza (bruttissimo x desktop) ed ormai OS vetusto, non si vedono altre alternative valide sul desktop al flop annunciato di W8-8.1. Sembra proprio che (Gnu)-Linux sarà chiamato a prendere sempre più untenti delusi da MS, in futuro (neanche tanto lontano) magari con SteamOS? :-I

        • CuccuDrillu10

          Ovviamente microsoft chiude non un occhio ma due su questa storia del crack. Sai quanti utenti perderebbero se rendessero davvero impossibile la contraffazione?
          é tutto studiato per teneresi il numero più elevato di utenti e poter imporre windows come standard sui pc a livello commerciale.

          • Simone

            Quoto. Dopo XP, Microsoft con la sua voglia di rendere l’utente sempre più schiavo e sempre più invischiato con quella roba, ha fatto grossi casini e raccolto molto meno.
            Già IE ha perso il primato ed è addirittura dietro FF, spero che presto defunga anche asp.
            Win 8 e Win 8.1 faranno la fine di Vista.
            Queste cose collegate portano ad una sola cosa: MS sta annaspando.
            Prima aveva tutto, ora che la gente si sta svegliando e sta trovando alternative, è sempre più evidente che il loro prodotto non è proprio competitivo.

  • Roberto Tamburrino

    e i virus ci vanno come a windows ? almeno serve per wine

  • Provato su Virtual Box … a me pare na strunz**a … !!!

  • ge+

    no grazie, sto appena lasciando windows, non voglio altri file
    frammentati, malware, bachi di sicurezza e crash (occhio che ReactOS è ancora
    in apha…)

    E’ strano, è un progetto interessante ed inutile allo stesso tempo

    Quello che non è affatto strano è che il DE di React OS rimane più bello, funzionale e leggero di windows 8 nonostante il grigio che mi ricorda tanto win 98…

    • manuto

      Compatibilità binaria, non vuol dire che usa gli stessi file system di windows, eh ?

  • vorrei veramente sapere se c’è qualcuno che lo usa come il sistema di ogni giorno…

    • ge+

      i developer specificano chiaramente che il sistema è ancora in alpha e non è consigliato usarlo se non ai fini di testing.
      Quindi, penso che neppure gli stessi developer lo usino ogni giorno

  • CippaLippa

    trovo questo progetto davvero interessante, peccato solo che vada avanti a rilento, forse causa mancanza fondi e persone per sveltirne lo sviluppo e il debugging. In un futuro non troppo lontano sarebbe fantastico poter trovare una versione opensource sulla stessa filosofia di “reactOS” magari un equivalente di Windows 7 (grafica inclusa) completamente a codice aperto e con tutti i vantaggi e la leggerezza tipica che contraddistingue gli OS liberi.. ok, stavo solo sognando! Cmq. progetto affascinante ReactOS, peccato solo per la grafica scarusa.. tipo Win2K, IMHO. 🙂

  • Jazzo

    che WM usa?

    • Jazzo

      ho sbagliato, pardon, intendevo che file manager usa…?

  • borgio3

    ReactOS è una stronzata mega, solo che per farla ci stanno mettendo secoli. Utile come una bici per un pesce!

    • CippaLippa

      non dover pagare licenze MS e non essere spiati dalla stessa.

      • CippaLippa

        ottima osservazione, senza contare che magari alcune applicazioni Win su ReactOS potrebbero essere più veloci rispetto al corrispettivo closedsource di Microcozz.

    • …è interessante il tuo concetto di “stronzata” io ti inviterei a guardarci meglio…

  • Se non ci fosse reactos non esisterebbero questi bei commenti… dato che c’è si commenta male… pensa pensa quale potrebbe essere la giusta parola quella riferita al fatto che esiste? o che sia meglio non esistesse? ma allora chi la vuole cotta e chi cruda? ma insomma… invece di star li a criticare… finitela di fare i bambini… e rispettate lo sviluppo libero… diversamente usatevi windows ma basta co ste chiacchere al vento…

    • pier

      …ecco, tu quando cominci?

  • gakl

    qualcuno sa come farlo andare a schermo intero su virtualbox

  • hawake

    Talk molto interessante e progetto fantastico, già solo per il fatto che stanno dimostrando la possibilità di qualcosa di apparentemente impossibile come replicare Windows in tutta la sua complessità. Tra le altre cose in un sacco di Università lo studiano nei vari corsi di Sistemi Operativi e programmazione.

No more articles