Di recente abbiamo segnalato un problema riscontrato da me e altri lettori durante l’installazione di Google Chrome su Ubuntu 13.04 Raring che non permetteva l’installazione causa la mancanza della libreria libudev0.
Dopo aver risolto questo problema dell’installazione abbiamo riscontrato un problema con l’audio che non funziona durante la riproduzione di contenuti multimediali come ad esempio video da YouTube, ascoltare i nostri brani musicali preferiti da Google Music ecc.
Il problema è stato riscontrato sopratutto nella versione 64-bit di Google Chrome risolvibile introducendo alcuni parametri al comando d’avvio del browser.

Per risolvere il problema dell’audio su Google Chrome in Linux basta avviare il terminale e digitare:

sudo nano  /opt/google/chrome/google-chrome.desktop

e sostituiamo la riga Exec=/opt/google/chrome/google-chrome %U con

Exec=/opt/google/chrome/google-chrome %U –audio-buffer-size=2048

e salviamo cliccando con Ctrl+x e poi s.

Riavviamo il browser ed ecco l’audio funzionante su Google Chrome.
Il problema dovrebbe esser risolto con i prossimi aggiornamenti in questo caso basta rimettere Exec=/opt/google/chrome/google-chrome %U al posto del nuovo comando.
  • DebianLover

    Credo che con questi risultati migrerò definitivamente a Debian o a Linux Mint Debian Edition! Canonical sta sbagliando tutto: l’ultima Ubuntu decente è la 10.04 LTS. Sono curioso di vedere cosa combinerà a questo punto con la 12.04 anch’essa LTS…

    • Ottima scelta! Vedrai che ti trovi meglio

    • Ottima scelta! Vedrai che ti trovi meglio

    • Alessandro Bertolini

      Prima di migrare definitivamente a Debian o Linux Mint Debian Edition prova a fare una virata e prova Fedora. Io usavo Ubuntu e quando ho provato Fedora ne sono rimasto sorpreso e affascinato.

  • DebianLover

    Credo che con questi risultati migrerò definitivamente a Debian o a Linux Mint Debian Edition! Canonical sta sbagliando tutto: l’ultima Ubuntu decente è la 10.04 LTS. Sono curioso di vedere cosa combinerà a questo punto con la 12.04 anch’essa LTS…

  • Attix

    L’ultima Ubuntu decente era intrepid ibex.Si avviava in un lampo ed era velocissimo.Magari la grafica non era eccelsa,ma era di una usabilita’ spaventosa.
    Non si potrebbe riusarlo?:)

    • Magari!

    • Magari!

    • Se non fosse stato per i font, che su gnome-terminal e openoffice avevano impostazioni completamente sballate 😀

  • Attix

    L’ultima Ubuntu decente era intrepid ibex.Si avviava in un lampo ed era velocissimo.Magari la grafica non era eccelsa,ma era di una usabilita’ spaventosa.
    Non si potrebbe riusarlo?:)

  • Alex Pailloni

    Mah, prendo atto del fatto che Ubuntu possa non andare a qualcuno, ma a me personalmente non piacciono Debian. In usabilità personalmente mi trovo meglio con Ubuntu…. Se Unity non piace campi DE, Un tablet touch con Ubuntu sarebbe l’ideale per sfruttare le sue caratteristriche, ma nel Desktop non trovo affatto che si comporti male

  • Io penso che invece con Oneiric si siano fatti fatti ottimi passi riguardante l’usabilità di Unity. Dopo la triste esperienza con Natty che mi ha fatto virare su Kubuntu riprovare Ubuntu con la Beta1 di Oneiric mi ha dato impressioni positive. Risolti i problemi con le schede ATI ( schermo nero o con artifatti all’avvio), interfaccia più gradevole e pulita, possibilità di inserire icone sulla barra laterale, tanti piccoli tasselli che denotano un gran lavoro fatto dietro per ottimizzare e affinare il tutto.
    Non credo che qualcuno abbia mai detto che Ubuntu è concepito per PC datati, anzi. Ma credo che ormai 4gb di ram ddr3 e un procio minimo dual core lo abbiamo tutti. Con Phenom X6 1090T occato e 4gb di ram tutto fila liscio, complice anche una bella scheda video molto performante. Se poi uno vuol far andare il PIV del nonno, è un altro paio di maniche. Per il successo di un S.O. conta tutto, affidabilità, stabilità, consumi di risorse non esigui, ma giustamente proporzionati alle applicazioni, facilità d’uso e anche la grafica. L’essere gradevole agli occhi non è sintomo di spreco di lavoro, ma un modo di rendere gradevole e funzionale il tutto, e ci sta anche questo. Intrepid sarà veloce, ma Oneiric tutta sta persantezza non ce l’ha.. sinceramente.

    • Attix

      Insomma,non sono proprio d’accordo.Linux nasce con tutt’altra filosofia.Se si avvia verso una mentalita’ windowsiana siamo a posto.Per la 12.04 magari servira’ un quadr-core e cosi via.
      Ma anche tralasciando questo,se la maggiore richiesta di risorse e il grande lavoro grafico fossero finalizzati ad avere un sistema piu’ usabile e migliorativo nessuno avrebbe motivo di lamentarsi,ma da quello che noto, le implementazioni sono solo frivolezze grafiche fini a se stesse,anzi deleterie se il pc non lo si usa come soprammobile grazioso.
      Un’azienda che deve usarlo nella produzione pensi non noti la differenza fra una Lucid Lynx e una Natty Narval?Non e’ che le stesse possono cambiare terminali come lo puo’ fare un utente casalingo.

      Il problema,a mio avviso,sta in un errore di fondo:queste interfacce unity e gnome-shell sono utili su tablet o net-book,dove lo spazio scarseggia ed e’ necessario darne il massimo alle finestre aperte.Su un desktop e’ una stupidata,visto che immagino tutti abbiamo almeno uno schermo 17 pollici.Che me ne faccio dei bottoni enormi e dei menu sulla barra superiore..inutili.Quello che mi interessa e’ avere l’avvio dei programmi il piu’ veloce possibile e la possibilita’ di richiamare con un click le applicazioni in background.Se mi serve un programma non andarmelo a cercare nella listona di unity(che poi non si sa come mai i programmi che piu’ ti servono non sono mai i primi).

      Quindi interfacce alla gnome 2 sono le benvenute fin quando le innovazioni non andranno verso un miglioramento e non un peggioramento dell’usabilita’ del pc.

      • Shadybuntu

        Non so se mi sbaglio, ma non è possibile fare un fallback a gnome2? Questo sarebbe l’ideale. Gnome 2 senza fronzoli ed effetti grafici in effetti sarebbe la soluzione ideale. Uno mantiene aggiornati kernel e sistema (applicazioni comprese) e un ambiente grafico leggerissimo.
        Fermo restando che fra i 2 mali (gnome-shell e Unity) per adesso Unity riesco ad usarla meglio, anche se il mio DE principale è comunque KDE 4.7

        • Attix

          Da oniric in poi non piú. Ci sará unity 2d.

          • E il fallback di Gnome 3 dove lo mettiamo? È uguale a Gnome 2.

          • non è proprio uguale diciamo che è simile
            manca ad esempio la possibilità di personalizzare i temi e personalizzare le dimensione dei pannelli comunque è un’ottima alternativa a schell

        • Attix

          Da oniric in poi non piú. Ci sará unity 2d.

        • c’è il team arch linux che sta sviluppando un’ambiente destktop simile a gnome 2 basato però su gnome 3
          il progetto è in fase si sviluppo lo testato dato che già presente in aur ma comunque molto instabile e pieno di bug comunque promette stra bene
          ne parleremo comunque nelle prossime settimane quando sarà un po più stabile
          ps logicamente l’ambiente destkop è realizzato da arch e quindi è completamente personalizzabile e configurabile. Il menu c’è e con le sue belle categorie inoltre per chi vuole offre anche il tasto launcher per la ricerca !

          • Alessandro Bertolini

            Questo è molto interessante…

      • Shadybuntu

        Non so se mi sbaglio, ma non è possibile fare un fallback a gnome2? Questo sarebbe l’ideale. Gnome 2 senza fronzoli ed effetti grafici in effetti sarebbe la soluzione ideale. Uno mantiene aggiornati kernel e sistema (applicazioni comprese) e un ambiente grafico leggerissimo.
        Fermo restando che fra i 2 mali (gnome-shell e Unity) per adesso Unity riesco ad usarla meglio, anche se il mio DE principale è comunque KDE 4.7

      • c’è anche gnome 3 fallback molto simile a gnome 3 che funziona veramente molto bene e puoi anche utilizzare compiz

    • Attix

      Insomma,non sono proprio d’accordo.Linux nasce con tutt’altra filosofia.Se si avvia verso una mentalita’ windowsiana siamo a posto.Per la 12.04 magari servira’ un quadr-core e cosi via.
      Ma anche tralasciando questo,se la maggiore richiesta di risorse e il grande lavoro grafico fossero finalizzati ad avere un sistema piu’ usabile e migliorativo nessuno avrebbe motivo di lamentarsi,ma da quello che noto, le implementazioni sono solo frivolezze grafiche fini a se stesse,anzi deleterie se il pc non lo si usa come soprammobile grazioso.
      Un’azienda che deve usarlo nella produzione pensi non noti la differenza fra una Lucid Lynx e una Natty Narval?Non e’ che le stesse possono cambiare terminali come lo puo’ fare un utente casalingo.

      Il problema,a mio avviso,sta in un errore di fondo:queste interfacce unity e gnome-shell sono utili su tablet o net-book,dove lo spazio scarseggia ed e’ necessario darne il massimo alle finestre aperte.Su un desktop e’ una stupidata,visto che immagino tutti abbiamo almeno uno schermo 17 pollici.Che me ne faccio dei bottoni enormi e dei menu sulla barra superiore..inutili.Quello che mi interessa e’ avere l’avvio dei programmi il piu’ veloce possibile e la possibilita’ di richiamare con un click le applicazioni in background.Se mi serve un programma non andarmelo a cercare nella listona di unity(che poi non si sa come mai i programmi che piu’ ti servono non sono mai i primi).

      Quindi interfacce alla gnome 2 sono le benvenute fin quando le innovazioni non andranno verso un miglioramento e non un peggioramento dell’usabilita’ del pc.

  • Io penso che invece con Oneiric si siano fatti fatti ottimi passi riguardante l’usabilità di Unity. Dopo la triste esperienza con Natty che mi ha fatto virare su Kubuntu riprovare Ubuntu con la Beta1 di Oneiric mi ha dato impressioni positive. Risolti i problemi con le schede ATI ( schermo nero o con artifatti all’avvio), interfaccia più gradevole e pulita, possibilità di inserire icone sulla barra laterale, tanti piccoli tasselli che denotano un gran lavoro fatto dietro per ottimizzare e affinare il tutto.
    Non credo che qualcuno abbia mai detto che Ubuntu è concepito per PC datati, anzi. Ma credo che ormai 4gb di ram ddr3 e un procio minimo dual core lo abbiamo tutti. Con Phenom X6 1090T occato e 4gb di ram tutto fila liscio, complice anche una bella scheda video molto performante. Se poi uno vuol far andare il PIV del nonno, è un altro paio di maniche. Per il successo di un S.O. conta tutto, affidabilità, stabilità, consumi di risorse non esigui, ma giustamente proporzionati alle applicazioni, facilità d’uso e anche la grafica. L’essere gradevole agli occhi non è sintomo di spreco di lavoro, ma un modo di rendere gradevole e funzionale il tutto, e ci sta anche questo. Intrepid sarà veloce, ma Oneiric tutta sta persantezza non ce l’ha.. sinceramente.

  • Antonio G. Perrotti

    per fortuna c’è Lucid fino al 2013… con i ppa lucid-bleed, mozillateam/firefox, sevenmachines etc ha tutte le applicazioni che mi servono sempre aggiornate (giusto oggi ffx 7). ho fatto 1000 prove, ma è il più usabile, almeno sul mio pc e per le cose che ci faccio io. inseguire sempre “l’ultima novità” non è sempre una buona politica. preferisco continuare ad usare gnome (dopo una parentesi, peraltro positiva, con kde) perchè le applicazioni che uso si integrano meglio nell’ambiente grafico. oneiric lo salterò proprio.

No more articles