Da molto tempo si parla del passaggio di Archlinux a systemd e sono stati molti e segnali che hanno preceduto questa svolta: chi installerà Archlinux a partire da oggi avvierà per la prima volta il proprio sistema utilizzando systemd.

Lo ha annunciato Thomas Bächler sul sito ufficiale di Arch oggi a mezzogiorno:  systemd-sysvcompat fa ora parte del gruppo base e verrà quindi installato di default.
Per chi volesse ancora affidarsi al buon vecchio initscript, esso rimarrà disponibile nei repository ufficiali ancora per molto e, soprattutto, una volta installato si potrà sfruttare rc.conf e l’array DAEMONS.

Si ricorda che questo vale per le nuove installazioni, mentre per i sistemi già attivi è necessario un intervento manuale: per il passaggio vi rimandiamo alla nostra guida, ricordando la possibilità di usare il wiki ufficiale per maggiori approfondimenti.
No more articles