Nella giornata odierna (come già segnalato dal nostro amico Twentyone) Arch Linux è passato definitivamente a systemd il nuovo gestore d’avvio, sviluppato da Lennart Pottering, che andrà a rimpiazzare initd.
Particolarità di systemd è la possibilità di avviare più servizi in parallelo il tutto velocizzando e migliorando il processo d’avvio del sistema.
Da oggi chi installa Arch Linux avrà automaticamente systemd installato, ossia quando dal nuovo installer installiamo il sistema base questo installerà systemd e tutte le sue features.
Per chi ha già installato Arch Linux si potrà utilizzare ancora initd anche se è consigliabile passare al nuovo gestore d’avvio.
Se vogliamo installare Arch Linux dovremo fare attenzione ad alcuni passaggi soprattutto l’avvio dei vari demoni.
Difatti Systemd non rimuove il tanto amato rc.conf e quindi dovremo utilizzare systemctl per arrivare i demoni.
Una volta installato il sistema base e l’ambiente desktop, alsa, xorg ecc dovremo impostare i demoni con systemctl.

Non serve più avviare il demone per dbus syslog-ng e crond basta avviare i demoni del desktop manager, network, stampa ecc.
Il comando da dare è:

systemctl enable demone_da_avviare.service

quindi per attivare il demone NetworkManager digiteremo:

systemctl enable NetworkManager.service

Per GDM

systemctl enable gdm.service

PER KDM

systemctl enable kdm.service

Per LightDM

systemctl enable lightdm.service

Per Slim

systemctl enable slim.service

Per DHCP

systemctl enable dhcpcd@eth0.service

Per Bluetooth

systemctl enable bluetooth.service

per disattiva un demone invece basta digitare:

systemctl disable denome_da_avviare.service

per disattivare GDM

systemctl disable gdm.service

Basta fare un po di attenzione per i demoni per il resto l’installazione rimane quindi invariata.

  • Davide Depau

    Si può fare questo passaggio anche su Ubuntu? Se è più veloce, lo voglio fare anch’io (anche se presto installerò Arch…)

    • si può fare ma te lo stra sconsiglio dato che per ubuntu rischi di rendere instabile o peggio ancora inutilizzabile il sistema dato che per installarlo serve un ppa che mancano dipende altri problemi vari fedora 17 ha systemd di default ad esempio oppure puoi installarti arch

      • Davide Depau

        Bene, ti ringrazio per la risposta… mi terrò initd. Ciao!

        • upstarter

          ubuntu usa upstart 😉

          • Davide Depau

            E vabbé, quella cosa lì… 😀

      • netcom

        scusami, ti diaspiace spiegarti meglio?
        “serve un ppa che mancano dipende altri problemi vari fedora 17″… :S

  • Giovanni

    E’ necessaria una guida migliore per l’installazione con systemd. Quella in italiano non è aggiornata e quella in inglese ti lascia in mezzo al guado. Dopo l’installazione dei driver nvidia e il riavvio, la rete non si sa più come avviarla. Come avviare xfce, alsa ecc…

    • Gyrvim

      Come non sai come avviare la rete? è espresso in chiare lettere nella wiki, sia con dhcpcd che con networkmanager, netcfg ha una sua wiki dedicata. è ovvio che nel wiki non possono scrivere come avviare tutti i servizi, ma mettono la linea guida di base su come utilizzare i comandi, in ogni caso sempre nel wiki di systemd c’è scritto quali sono i servizi da attivare con alsa-utils , ovvero lo store e il restore delle configurazioni alsamixer, per il resto alsa si autattiva in kernel mode cosi come è sempre successo da molte versioni di linux fino alla 3.6 e oltre, indipendentemente dagli init. Spiegato anche come avviare xfce con slim.

      • ho provato 15gg fa ad installare systemd su una partizione con ubuntu 12.04 che utilizzavo per testare applicazioni ecc e volevo formattare e passare a ubu 12.10
        il mio problema è stato proprio l’avvio dei demoni dove systemctl anche se installano non ne voleva sapere di avviarmi lightdm o networkmanager ho provato anche a compilare l’ultima versione di systemd, ho avviato fa fakeroot ubuntu e installato gdm ma niente da fare 🙁
        penso che comunque dalla 13.04 dovrebbe già esserci di default

        • Gyrvim

          Ma ubuntu di default non integra i file service dei demoni, quindi la domanda è, tu lo hai fatto al posto del dev team di ubuntu? ad esempio riscontri che nel percorso /usr/lib/systemd/system/ c’è il file NetworkManager.service e networkmanager.service ??

          • systemd si è installati il problema è caricare i demoni che non ci sono riuscito ma molto pribabilmente ho fatto casini ben prima dato che alla fine ho formattato tutto e installato ubu 12.10
            ps ti ho mandato un’email

  • TheNightComesDown

    Una volta che attivo NetworkManager quest’ultimo rileva le varie connessioni ma non si connette ad esse, mentre se ad esempio avvio la connessione wifi tramite “wifi-menu” va tutto alla perfezione…come mai?

    • mi sembra mooolto strano
      lo testato io personalmente dato che ieri ho installato arch linux su 3 pc hai aggiunto l’utente al gruppo network?

    • non hai permessi
      dai da root
      gpasswd -a roberto network
      dove al posto di roberto metti il tuo user
      riavvia e vedrai che si connette

  • etognoni

    ciao ma ora dopo che ho fatto il passaggio integrale posso segare rc.conf da /etc o devo tenerlo per modules?
    scusate la domanda oscena 😀

    • puoi tenerlo ma non serve più i demoni ora li carichi con systemctr

      • etognoni

        Ho segato rc.conf e rc.local, rc.shutdown era gia’ vuoto, tra l’altro ho scoperto che rc.local mi resettava l’audio con amixer a livelli spaccatimpani non voluti. 😀 si funziona io ho systemd su un oldnotebook e devo dire che se possibile archbang è + veloce. Lo shutdown e in meno di 3 secondi ma dato che sono mono core, credo che il boot non sia molto più veloce.

  • xlo-

    Ciao volevo segnalare che il comando per DHCP non funziona dalla iso di dicembre 2012, risolto con systemctl enable dhcpcd.service

No more articles