L’arrivo di Gnome 3 ha significato un cambio radicale del famoso ambiente desktop Gnome  difatti con l’arrivo di Gnome Shell ci troviamo davanti ad un desktop ben diverso da quello che eravamo abituati utilizzare. Gnome Shell cambia radicalmente la gestione del desktop il vecchio menu ora invece è sostituito dal tasto Attività il quale ci permette di passare da una finestra all’altra, avviare le applicazioni preferite o cercarle grazie al Dash oppure selezionare un nuovo spazio di lavoro.
Tutta questa “innovazione” da parte del team Gnome non è stata accolta molto bene da alcuni utenti e sviluppatori i quali preferiscono tuttora il buon vecchio progetto pur comunque amando l’innovazione portata avanti sopratutto con l’arrivo delle nuove gtk3.
Alcuni sviluppatori di Arch Linux hanno cosi cominciato lo sviluppo di un’ambiente desktop simile a Gnome 2 pur supportando le nuove Gtk3 e le applicazioni dedicate, il progetto si chiama Mate Desktop Environment.

Mate Desktop Environment è un ambiente desktop inspirato a Gnome 2 il quale porta con se le stesse identiche caratteristiche e funzionalità. Il progetto porta con se le stesse applicazioni di default dal Desktop Manager, al File Manager (in questo sono non si chiamerà più Nautilus ma Caja) al Terminale al visualizzatore d’immagini e documenti ecc.

Particolarità di Mate Desktop Environment che è quello di supportare qualsiasi applicazione quindi mantenendo il classico ambiente desktop di Gnome 2 inoltre il desktop è estremamente veloce e reattivo. 
Dopo i primi test l’ambiente risulta molto stabile e veloce richiede avviato nemmeno 90mb e supporta perfettamente qualsiasi nuova applicazione con Gtk3 per esempio Audacious.

Mate Desktop Environment lo possiamo già installare su Arch Linux grazie ai repository dedicati per farlo basta da terminale digitare:
su
nano /etc/pacman.conf
e inserire:
[mate]
Server = http://germ.winpe.com/archlinux/mate/$arch
Server = http://cptl.org/mate/$arch
Server = http://matsusoft.com.ar/repository/archlinux/mate/$arch

salviamo e installiamo l’ambiente desktop digitando
su
pacman -Sy mate-desktop-environment 
al termine riavviamo e al login selezioniamo Mate.
Per maggiori informazioni su Mate consiglio di consultare la pagina Wiki di Arck Linux dedicata.
Colgo l’occasione per congratularmi con il team Mate Desktop Environment per la realizzazione del progetto.
  • fabiogiu

    Bello,molto bello. Una curiosità e informazione: è basato sulle gtk2 o 3?

    • Gtk3 lo sto utilizzando ed é impressionante la velocitá! Gran bel progetto

      • Lorenzo

        Non hai avuto problemi con la gestione delle password.
        a me ogni tanto non le tiene in memoria e ogni volta che lancio evolution devo reinserirle. E ovviamente mail-notification non segnala le nuove mail.

  • Alessandro Bertolini

    Uau!! Questo è sicuramente un motivo in più per provare arch linux…molto bello

  • mirko

    Sarà possibile installarlo anche su altri s.o., in futuro?

    • Spero di si,! Vedrai che verrá realizzato qualche ppa dedicato

  • ma che cambia da gnome3 fallback mode?

    • Lorenzo

      gnome 3 fallback mode è un’imitazione malfatta di gnome 2.
      Mate E’ gnome 2 con un altro nome.

  • Antonio G. Perrotti

    no, arch con gnome 2 è da acquolina in bocca 🙂 a natale probabilmente mi potrò permettere un nuovo pc (free dos, ho trovato un negozio che me ne può ordinare di buoni con 300 circa). la guida sul vecchio e ci provo proprio volentieri.

    • antonio

      condividi questo negozio! 😀

      • Antonio G. Perrotti

        è a sassari, tu dove abiti?

        • antonio

          Napoli :S…pensavo fosse un negozio online.

  • Millalino

    ottimo ……   mi è difficile rinunciare a gnome 2 grazie per la segnalazione roberto

  • Qualcuno lo sta provando?
    E’ Stabile?
    Lo definiresta in stadio pre-alpha, alfa o beta come livello di sviluppo?

    • ti sto proprio scrivendo da arck con mate e la trovo stabilissima
      inoltre è velocissima
      fin’ora mai visto un bug
      unica cosa non utilizzare il dm di mate usa gdm (è identico) per il resto secondo me è già un’ambiente desktop da utilizzare tranquillamente
      (ps nello stesso pc ho oneiric per testare le novità e le applicazioni e in 10 miniti ben 2 volte mi è andato in crash e manca 15 gg al rilascio)

  • Fontanino2002

    Grandi!!
    Subito da provare!

  • Antonio G. Perrotti

    bella vibrazione, come dicevamo ai bei tempi 🙂 sì, se mi danno gnome 2 allora arch merita una giornata di sbattimento, visto che con ubuntu ho chiuso, sto usando di nuovo lucid e se cambio cambio proprio distro.

  • Attix

    Se forniscono una iso con installer adatto ad un principiante,simil ubuntu per intenderci,mi fiondo.
    Roberto,mi raccomando se la rendono disponibile fa sapere..saremmo gia’ quasi una decina interessati ad una distro di questo genere!!;)

    • Lorenzo

      l’installazione di arch è più semplice di quello che si pensa.
      è solo un po’ più lunga, ma solo perchè ti permette di non installare quintali di programmi spazzatura come invece accade in (K)(X)Ubuntu, Fedora, OpenSuse, etc. e quindi di scegliere solo il software voluto (o necessario come dipendenza). Inoltre il wiki per l’installazione sul sito di arch è ottimo e di grandissimo aiuto.

  • antonio

    Incuriosito da Mate ho provato per la prima volta ad installare Arch.
    Seguendo la guida base sul wiki penso di aver installato correttamente il sistema.
    Son passato poi all’installazione di MATE.
    Avviandolo però ottengo un ambiente inutilizzabile:
    il desktop con 3 icone (Computer, Home, Cestino), niente pannelli e niente bordi delle finestre; il puntatore del mouse è inoltre una X fissa.
    In cosa ho sbagliato?

    • penso che il problema arrivi non da mate ma da un’arreata configurazione della scheda grafica o qualche comando nell’avvio dell’ambiente desktop
      usa gdm con desktop manager

      • antonio

        Risolto!
        Sì avevo intuito che il problema non fosse strettamente legato a Mate.
        In particolare creavano problemi le librerie libltdl; mi è bastato reinstallarle per risolvere…grazie! 🙂

No more articles