lffl consiglia

Articoli Recenti

20 marzo 2012

Unity 2D 5.7 su Precise, aggiunte nuove configurazioni

-
Unity 2D 5.7 su Ubuntu

Il team di sviluppo di Canonical ha da poco rilasciato per Ubuntu 12.04 Precise la nuova versione 5.7 di Unity 2D, portando una maggiore stabilità e rendendolo più usabile e configurabile.

Unity 2D difatti si avvicina molto alla versione basata su Compiz, inoltre negli ultimi aggiornamenti hanno reso l'ambiente desktop Qt molto più performante e leggero, ed Unity 2D 5.7 oltre alla correzione di alcuni bug ha aggiunto nuove opzioni per la configurazione, utili per aumentare l'usabilità del “launcher” (si potrà quindi modificare questa utilità: quando il “launcher” è settato su “autohide” e si sposta il cursore contro il bordo sinistro dello schermo involontariamente, il semplice tocco della freccia del mouse non farà apparire il “launcher”, sempre se propriamente settato).
Al momento, le proprietà del “launcher” (come la reattività e la velocità di stop del bordo, ecc.) possono essere modificate tramite dconf-editor per farlo digitiamo da terminale:

sudo apt-get install dconf-editor

E confermiamo, terminata l'installazione sempre da termine o cliccando su ALT+F2 digitiamo:

dconf-editor

Dall'editor andiamo su com-->canonical-->unity-2d-->launcher

e in questa sezione potremo operare sulle varie reattività del Launcher

Unity 2D 5.7

Se invece vogliamo un maggior controllo del multimonitor, aggiungendo la possibilità di mostrare un solo “launcher” sullo schermo principale oppure mostrare su ciascun monitor il proprio “launcher” andiamo in

com-->canonical-->unity-2d-->launcher-->check/uncheck only-one-launcher

supporto per il bordo “sticky” in modalità multimonitor, settare il launcher in modalità “autohide”, utile per il comportamento del bordo “sticky” andiamo in

com-->canonical-->unity-2d-->check/uncheck sticky-edges

Per conoscere in dettaglio tutte le novità del nuovo Unity 2D 5.7 in questa pagina troverete il changelog completo.

Ringrazio Roberto R. per l'aiuto nella realizzazione e il team iloveubuntu fonte dell'articolo